Lavori di bonifica della discarica Maza nel Comune di Arco (TN)
Committente:
Provincia Autonoma di Trento - Agenzia Provinciale Opere Pubbliche - Servizio Opere Ambientali

Ruolo ricoperto:
Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione

Importo lavori:
€ 23.000.000

Periodo di esecuzione dell'incarico:
in corso


Descrizione della struttura
La discarica della Maza è sita in loc. Maza nel Comune di Arco lungo il tratto di Strada Statale n° 240 di Loppio e della Valle di Ledro che collega il paese di Nago con l’abitato di Arco. L’impianto è costituito da due principali lotti di coltivazione: il I lotto, oggi esaurito, ubicato a sud-ovest del più recente II lotto. Fa parte dell’impianto anche un ulteriore volume di conferimento ad oggi esaurito, la “vasca 0”, area non facente parte del II lotto ma ricavata in posizione attigua allo stesso, in appoggio sul corpo rifiuti del I lotto. La tipologia di discarica è di rifiuti non pericolosi (D.Lgs. 36/2003). (RU, rifiuti speciali assimilabili agli RU e fanghi non tossici e nocivi derivanti da impianti di depurazione acque reflue provenienti da insediamenti civili).
Le fuoriuscite di percolato al piede del II lotto della discarica, manifestatesi a seguito di un evento meteorologico eccezionale di precipitazioni intense (24-25 dicembre 2009), hanno comportato la necessità di realizzare alcuni interventi di manutenzione straordinaria sul medesimo lotto, per migliorarne il sistema di gestione del percolato verso i sistemi di captazione e stoccaggio. Questi lavori che comportano una movimentazione di circa 150.000 m3 di rifiuti urbani, risultando propedeutici alla realizzazione della bonifica in oggetto, sono attualmente in fase di realizzazione e verranno ultimati entro la prossima primavera.
L’intervento di bonifica UF 5.2 è parte della Minima Unità Autonoma e Funzionale UF 5 (bonifica discarica Maza) che riguarda le opere di collegamento stradale Passo San Giovanni - Località Cretaccio. L'intervento a progetto risulta suddiviso nelle due unità minime autonome e funzionali seguenti:

1) UMF 5.2.1: bonifica della porzione non impermeabilizzata del I lotto
Si prevede la bonifica con recupero ambientale e messa in sicurezza permanente dell'area attualmente occupata dai rifiuti biodegradabili della vecchia discarica della "Maza" denominata "Lotto 1". L'intervento consiste nella rimozione di circa un milione di metri cubi di rifiuti abbancati, che saranno selezionati in due frazioni; la parte di sottovaglio, previa stabilizzazione con ossido di calce e legante idraulico, verrà reimpiegata come materiale non più biologicamente attivo per ricostruire il sito di origine che verrà messo a disposizione del nuovo collegamento viabilistico provinciale mentre il sovvallo, previa compattazione in balle, verrà depositato nell'area che costituisce il Lotto 2.  
Le grandi quantità di materiali che verranno movimentati nelle varie fasi (scavo, vagliatura, miscelazione, costruzione rilevato) di cui si riferirà in seguito, si prevede di gestirle completamente all'interno dell'area di discarica.

2) UMF 5.2.2: copertura superficiale finale della porzione impermeabilizzata del I lotto
Si prevede la realizzazione di un capping (copertura superficiale con sistema di raccolta delle acque superficiali e impianto di aspirazione del biogas) sopra la "vasca Broz" e la realizzazione di una barriera idraulica a presidio della falda, che permarrà fino ad avvenuta ultimazione dell'intervento di bonifica citato e al raggiungimento in falda dei valori definiti dalla normativa CSC (concentrazioni soglia di contaminazione) rispetto agli obiettivi di bonifica (CSR).