I FONDI INTERPROFESSIONALI A SOSTEGNO DELLA FORMAZIONE CONTINUA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO
22/05/2018

L’attività di formazione di tutti i soggetti che costituiscono l’azienda, dal lavoratore al dirigente, è un obbligo normativo che non si limita solamente al momento di inizio delle attività ma deve essere periodicamente aggiornata con appositi corsi stabiliti da leggi, decreti attuativi, da Accordi Stato-Regioni o dalla norma contrattuale. La formazione rientra quindi nel quadro normativo relativo alla sicurezza sul lavoro come base sulla quale attuare un efficace “sistema sicurezza”.

Tutto questo comporta costi diretti e indiretti da parte del datore di lavoro e dell’azienda stessa. I Fondi Paritetici Interprofessionali costituiscono un’importante risorsa per l’azienda e garantire l’assolvimento degli obblighi normativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

 

 

Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali

I Fondi Paritetici Interprofessionali (legge 388/2000) sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni sindacali e finalizzati alla promozione di attività di formazione rivolte ai lavoratori.

L’azienda può scegliere di destinare lo 0,30% della retribuzione dei lavoratori, versata con il pagamento dei contributi obbligatori, all’INPS oppure ai Fondi Interprofessionali.

Destinando questo 0,30% ad un Fondo Interprofessionale l’azienda garantisce un ritorno dell’investimento da riutilizzare in azioni formative per il miglioramento della qualità, delle competenze e della formazione del proprio personale.

I Fondi Paritetici Interprofessionali finanziano piani formativi aziendali, settoriali e territoriali, che le imprese in forma singola o associata decidano di realizzare per i propri dipendenti. Oltre a finanziare, tutto i in parte le suddette tipologie di piani i Fondi possono finanziare anche pian formativi individuali.

Il conto di formazione aziendale è un ottimo strumento a disposizione delle aziende per fornire formazione specialistica ai propri dipendenti a costo zero. Il conto di formazione è una sorta di salvadanaio dell’impresa dove viene versato il 70% (in alcuni casi fino all’80%)di quanto l’azienda ha versato all’INPS e può essere riutilizzato per la formazione dei dipendenti in qualsiasi momento presentando un piano formativo.

 

Come aderire al Fondo

Aderire al fondo è molto semplice ed avviene tramite la procedura telematica obbligatoria di denuncia contributiva che le aziende comunicano all'INPS utilizzando il modello UNIEMENS. Il datore di lavoro deve quindi accedere all'Uniemens individuale nella sezione "Gestione denuncia aziendale" e inserire il codice del fondo nella sezione Fondi Interprofessionali (ogni Fondo ha un proprio codice identificativo). L’adesione può avvenire in qualunque momento dell’anno e si intende tacitamente prorogata, salvo disdetta. I fondi attualmente attivi sono 19, di cui tre dedicati ai Dirigenti, e riguardano particolari attività produttive svolte dalle aziende oppure specifiche posizioni lavorative dei dipendenti.

Sarà poi lo stesso INPS a trasferire questa percentuale di contributi al fondo di formazione, accantonando risorse in un "conto formazione" che rimane a disposizione dell'azienda per finanziare attività formative per il personale in modo autonomo.

 

Quali sono i vantaggi

L’iscrizione ad un Fondo Interprofessionale non comporta alcun onore per l’azienda e offre diversi vantaggi:

  • L’adesione è gratuita e libera
  • Ridurre i costi aziendali sostenuti per la formazione interna
  • Soddisfare le esigenze aziendali relative ai fabbisogni formativi
  • Accrescere la competitività dell’azienda
  • Finanziamento totale o parziale dei progetti formativi
  • I fondi possono anticipare le somme che l’azienda accantonerebbe per finanziare piani urgenti
  • Opportunità di finanziamento anche per aziende medio piccole
  • Recupero dello 0.30% che viene versato obbligatoriamente all'INPS per ogni dipendente riutilizzabile nella formazione aziendale
  • È possibile formare anche una sola o poche persone su argomenti specifici con appositi voucher;
  • È possibile utilizzare tutte le modalità formative: aula, affiancamento, esercitazioni pratiche, E-Learning e molte altre tipologie didattiche;

 

  

Contattaci per ricevere gratuitamente e senza impegno una consulenza sul fondo più conveniente per la tua azienda.